Fondo Famiglia Lavoro

La notte di Natale del 2008 l’arcivescovo di Milano Dionigi Tettamanzi annunciò la nascita del Fondo Famiglia Lavoro (FFL), un’iniziativa volta a sostenere coloro che a causa della crisi avevano perso il lavoro e si trovavano in difficoltà. Il Fondo ha cercato di rispondere alle tante problematiche legate alla perdita dell’impiego e le conseguenti difficoltà economiche da essa derivanti, in particolare attraverso erogazioni a fondo perduto destinate al pagamento di bollette, mutui, spese mediche straordinarie o spese scolastiche dei figli.

Il Fondo Famiglia Lavoro in questi anni è stato in grado di distribuire ingenti risorse a migliaia di famiglie residenti nel territorio della Diocesi. I risultati ottenuti hanno spinto il cardinale Angelo Scola nel gennaio 2013 a rilanciare il progetto, avviando una seconda fase in cui all’erogazione di risorse si affiancarono misure maggiormente attente al tema del lavoro e dell’occupazione.

La Seconda fase del Fondo Famiglia Lavoro ha seguito le modalità già utilizzate nella prima fase anche se l’inasprirsi della crisi aveva fatto emergere come, soprattutto a livello occupazionale, erano necessarie forme di accompagnamento mirate nei confronti di chi rischiava di non riuscire a ricollocarsi autonomamente sul mercato del lavoro. Occorrevano quindi misure che prevedano, innanzitutto, l’attivazione e l’impiego di tutte le possibili risorse del territorio a favore del lavoro.

​A conclusione dell’Anno Santo del Giubileo della Misericordia (2015), il Fondo Famiglia Lavoro riparte, rinnovandosi profondamente, richiamando imprenditori, lavoratori, terzo settore, parrocchie a fare ognuno la propria parte per uscire dalla lunga crisi economica. Nasce così, la terza fase, “Diamo Lavoro”, un imperativo etico, un impegno corale, un’opera di misericordia, come eredità del Giubileo. Tutte le risorse vengono impegnate per finanziare tirocini lavorativi nelle imprese che hanno sottoscritto un patto di adesione al progetto.

Nei distretti del Fondo vengono individuati e formati esperti del lavoro che valutano con i rappresentanti territoriali delle associazioni imprenditoriali i profili delle persone che fanno domanda di aiuto e individuano i progetti di inserimento lavorativo.

Nel caso del Fondo Diamo Lavoro ​le offerte raccolte da fedeli, da grandi e medie fondazioni, alcune, come la Fondazione Cariplo, di origine bancaria, anziché essere assegnate direttamente ai beneficiari sotto forma di piccole somme, vengono utilizzate per finanziare tirocini lavorativi all’interno delle imprese che aderiscono, direttamente o attraverso le loro associazioni di categoria. In questo modo gli ex disoccupati che vengono inseriti in azienda ricevono per tutto il periodo una borsa lavoro i cui costi sono sostenuti dal Fondo. Le imprese sono sollevate da ogni onere, ma si impegnano, in base ad un accordo non scritto, a stabilizzare il lavoratore, se le condizioni di mercato lo consentono.

Fondo San Giuseppe

Nel marzo 2020, in occasione della ricorrenza di San Giuseppe, protettore dei lavoratori, nasce il Fondo San Giuseppe, per far fronte alle conseguenze economiche della crisi sanitaria che ha colpito il nostro Paese a causa del contagio dovuto al Covid-19. Il Fondo San Giuseppe è un intervento straordinario a favore di coloro che hanno perso il lavoro o hanno visto ridursi le ore di lavoro a causa del Covid-19. Il Fondo San Giuseppe garantirà un contributo economico a fondo perduto per tre mesi.

 Il Fondo San Giuseppe diventa quindi uno strumento ridistributivo per sostenere in modo concreto chi ha perso il lavoro o ha visto diminuire in modo drastico le proprie entrate rischiando di rimanere intrappolato nella spirale della povertà.

Per saperne di più:


Schede collegate

Progetto Neo-nato
Progetto Neo-nato

Che cos’è Progetto Neonato Il progetto nasce all’interno del Centro di Ascolto Caritas della parrocchia di Santo Stefano dove molti volontari operano ogni giorno venendo a contatto con realtà sempre diverse ma spesso drammatiche e pesanti. L’ascolto, perché si possa definire tale, deve nascere dal cuore per arrivare alla mente, deve essere attento, disponibile e […]

Centro di Ascolto Caritas
Centro di Ascolto Caritas

«La carità non va solo fatta, ma deve trovare i linguaggi per essere detta affinché scaldi il cuore, perché faccia venire la voglia di cambiare, perché la carità fatta e spiegata incida sul modo di pensare e di agire almeno di quanti frequentano le nostre assemblee. Non ci è chiesto di fronteggiare, né di sconfiggere […]

Alzheimer Café
Alzheimer Café

Cenni storici Il primo Alzheimer Cafè è nato nel 1997 a Leida, in Olanda, da un progetto dello psicogeriatra Bère Miesen, il quale si era reso conto che, per i malati di Alzheimer, le cure sanitarie erano insufficienti e che era necessario investire di più nelle terapie psico-sociali. Al primo incontro da lui organizzato hanno […]

Sportello dipendenze
Sportello dipendenze

L’età in cui si provano gli stupefacenti si è abbassata notevolmente: già a 12 anni si prova la prima canna, si abusa di alcool; è frequente il coma etilico dopo una festa tra amici… ora la dipendenza si inala, si fuma, è in tasca sottoforma di pastiglia. Le cronache parlano del problema del sabato sera, […]

Case Accoglienza
Case Accoglienza

Il progetto di accoglienza si avvale di due strutture: Casa dell’Assunta e Casa Mirella Casa dell’Assunta La CASA dell’ASSUNTA, sita in via Dante n. 2, può ospitare uomini, italiani e stranieri, questi ultimi solo se muniti di regolare permesso di soggiorno, che si trovano nella temporanea impossibilità di ottenere un alloggio in autonomia; per il […]